DENTI “DA LATTE”

I denti decidui conosciuti più comunemente come denti “da latte” sono i denti presenti nei bambini. Nel corso della crescita, tra i 6 e i 13 anni circa, verranno sostituiti dai denti definitivi.

Sono 20 e non 32 come negli adulti.

Generalmente il primo dente ad erompere è l’incisivo centrale inferiore a circa 6 mesi, periodo che coincide con la fase di svezzamento del bambino.

Perché è importante la prevenzione

I denti “da latte” compaiono tra i 24 e i 36 mesi e verranno sostituiti solo a partire dai 6/8 anni. Durante la loro presenza quindi è fondamentale averne cura per evitare conseguenze ai denti permanenti e non solo.

Le complicanze legate ad una mancata prevenzione sono numerose e molte derivano da una scarsa igiene orale:

  • maggiore rischio di insorgenza della carie
  • alterazione della formazione dei denti definitivi (difetti dello smalto e/o della dentina)
  • infezioni sia della bocca ma anche cutanee (fistole, tumefazioni)
  • alitosi
  • perdita dei denti inseguito a traumi o carie non curate: questa è una conseguenza molto grave che causa difficoltà masticatorie, disagio estetico per il bambino e soprattutto problemi nella corretta comparsa dei denti permanenti oltre che dello sviluppo scheletrico

Dunque nonostante i denti “da latte” lasceranno il posto ai permanenti è importante che siano monitorati e che rimangano in salute per tutta la durata della loro presenza.

Informazioni utili

È essenziale iniziare a pulire i denti dal momento in cui compaiono nella bocca dei bambini; nelle prime fasi attraverso l’utilizzo di una garza e successivamente istruirli al corretto utilizzo dello spazzolino.

Imparare fin da piccoli le corrette manovre di igiene orale riduce al minimo il rischio di insorgenza di molte patologie e aiuterà ad acquisire un’indispensabile abitudine anche per il futuro.

Avere una corretta alimentazione è importante non solo per la salute dei denti ma anche per la crescita del bambino. La masticazione di cibi solidi (frutta, verdura ecc.) stimola il corretto sviluppo di tutte le strutture coinvolte: denti, muscoli e segmenti ossei. Limitare invece l’assunzione di alimenti liquidi che non permettono questo stimolo e inoltre non garantiscono al bambino la stessa sensazione di sazietà. Oltre a questo le bevande zuccherate (succhi di frutta, bevande gassate ecc.) aumentano drasticamente il rischio di insorgenza della carie.

Evitare l’utilizzo del “ciuccio” o cercare di ridurre al minimo il suo utilizzo, in quanto può influenzare negativamente lo sviluppo mandibolare e mascellare e quindi anche il corretto posizionamento dei denti. (NON oltre i 2 anni)

Per le stesse ragioni limitare l’uso indiscriminato del biberon soprattutto durante la notte. (NON oltre i 2 anni)

Correggere eventuali abitudini viziate o disfunzioni quali: la suzione del pollice, la respirazione orale, la deglutizione atipica. Prima si interviene, minori saranno i problemi che possono provocare.

Quando fare la prima visita dal dentista?

La prima visita andrebbe fatta non appena compaiono i primi denti “da latte” e generalmente ogni 6/12 mesi. Questo perché:

  •  il bambino inizia a familiarizzare con il dentista e lo studio, allo stesso modo delle visite periodiche dal pediatra
  • si valuta la condizione della bocca del bambino: se pulisce bene i denti, se sono presenti carie, se lo sviluppo dei denti e della bocca è corretto

In questo modo si previene l’insorgenza di patologie che se non curate possono provocare dolore e di problemi ortodontici legati a un non corretto posizionamento dei denti.

 

Lo “Studio Dentistico Emanuele” guida anche i pazienti più piccoli nella scelta e nell’utilizzo dei prodotti migliori, per garantire un’igiene orale ottimale e la salute dei loro denti.

 


Che sia per un problema o un controllo PRENOTA la tua visita presso il nostro studio di Palermo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *